Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Da questa bocca tua dolce e sì cara - Score file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Da questa bocca tua dolce e sì cara - Score book. Happy reading Da questa bocca tua dolce e sì cara - Score Bookeveryone. Download file Free Book PDF Da questa bocca tua dolce e sì cara - Score at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Da questa bocca tua dolce e sì cara - Score Pocket Guide.
Menu di navigazione

Deaths: November All-Time Legends. Do you have a demo reel? Add it to your IMDbPage. How Much Have You Seen? How much of Giacomo Puccini's work have you seen? User Polls Natural Disasters! Known For. The Island Soundtrack. Deep Impact Soundtrack. Quantum of Solace Soundtrack. Man on Fire Soundtrack. Andato' from 'Gianni Schicchi'". Turandot, Act 3 ", "Con amor muore Piccolo iddio", "Gianni Schicchi O mio babbino caro". Puccini, "O, mio babbino caro", "La gazza ladra: Overture". TV Series documentary writer - 1 episode - Cool Britannia Video short writer: "Io de' sospiri", "Ah!

Banda sonora TV Series writer - 3 episodes, - music - 2 episodes, - - Episode 8. Jones writer: "Aria". Noi le aspettiamo, le aspettiamo sospirando! E li conduce con se lontano, dove il verde della sua tomba ogni anno si rinnova, dove brilla un cespuglio pieno di rose, che sparge petali odorosi sulla tomba.

Il pastore canta la canzone del poeta, un lampo trema lontano nel cielo verso il tramonto. The grove echoes with the songs of the nightingales, The sound of the shawms rings sweetly from the distance; The mountain stream that is [now] trickling in the valley Kisses the roses that, in rows, incline themselves to the waves, The zephyr [kisses] the bushes, the bee [kisses] the meadow, -- And only we, my beloved, in all of nature, We should not kiss one another? And only we should not kiss one another?

I, you and the child, the trinity of hearts! On the lap of my wife [sits] my smiling child, Once again this smile of heavenly purity! Of love shall now my lyre resound, A song of love would I now sing, A song of love to my little son. A song of love would I sing to my little son, That now would still seem to him like a nursery song; But once he understands it, then sing it to him [again], When his mother sings it, it gains a much lovelier sound.

Tell him what I was, what became of me, How happily I lived because I lived with you, -- My wife, and perhaps soon my widow. My widow perhaps, by the time the leaves fall in autumn, Oh tell me, could you forget me? One can die so easily there whither I am called, Will your love for me also die in the meantime? And if the powers of death end your life, Then may your grave enclose us both! One can die easily there whither I am called; The grim reaper on the field of battle, He does not choose his victims, nor does it matter to him If he who is darkened by eternal shadows Is doomed to be forgotten as soon as he is dead, Or has gained eternal renown down here [on earth]; Death never had any use for the lyre!

But blaring and roaring and the stamping of horses, The battle cry of embittered armies, The wedding at which kisses of iron are given, And the worms of the grave consume the festive meal. Down from a leafless tree, A raven caws: "The battle has ended, On the bloody field the harvest is over, The scythe has completed all its work. The raven answers: "So we both loved him! Under hundreds he sleeps, bedded at the bottom. We grieve for him, whom no one can ever rescue for us, I forever, -- the widow [only] until her [next] wedding night!

Until during [her] new wedding night a gust of wind Tears the so loosely woven veil of the widow; The hearts of women, they are not made of steel, And enchantingly a courteous suitor comforts her: -- Let the dead rest, let our hearts rejoice! The dead one is not jealous! With caressing and jesting Rejoice, you beautiful one, in the joy of a bride. The bridal couple dances to joyful tunes: In the arm of her second [husband] the lovely woman; Colourful wreaths, the bridal adornment, Flutter about her head and her body, radiant with life.

Only two hearts are waking and beating,-- There suddenly appears a ghost From the graves, the damp ones, On his grinning skull a garlanded Turkish cap, In the eye sockets a horrible gleam; Bearing witness to the wound in his breast Is the crownless coat of arms of the fatherland, That, bloody, covers his breast. And it is not the mouth that speaks, only the bloody wound: "My heart, my world, my joy, I have long languished for you in a dark dwelling, My bed is already prepared for you and for the child, It is enough for the three of us; one sleeps safely there.

The night is long there, and morning is far off, It is midnight, love, come to bed! In vain do you dare to call yourself my husband: Your visage is strange to me, my eyes have never gazed upon you, Never could I recognize my dear [late husband] in you! What a strange jest from the realm of decay! You're right, my beautiful one! I live together with many comrades, And, bewildered by the multitude of skulls, In my hurry I took up another instead of my own; I shall return now to where I made such a dreadful mistake, And shall come back when I find the correct skull, My own, amongst all the wrong ones.

And again he appears at midnight; He tells of how the dead live in the grave, What the slumbering ones dream in their eternal sleep, What new things came to pass in old times; Of hopes he speaks that have long faded away, And the love song he sings, that once he sang; -- It is he, but his head is [that of] another!

And each night he brings a new visage; Verily he has his choice of masks, Those of the old and the young, [those] of the serious and the merry, Who were all buried under one marker! Persistently he calls his wife and his child. And for twenty years he returns again and again. As he emerges from the grave, the thorns tear His clothes, and the tatters flutter in the wind; He himself decays more and more and dwindles To a shadow that flits along the wall, And still he whispers: Oh come!

The wife's hair turns grey, and the son, though a youth, Becomes like an old man with life-weary demeanor, To the mother's agony, -- his heart is sick, His heart is heavy, he is drawn [down] to the earth. And the call of love awakens him from sleep; He appears when it is yet before the midnight hour, With the glowing face, the courageous gaze, And with the smiling lips of prior days; And he throws his lyre and his sword from him, For now he shall, what he has long desired, [He shall] embrace his child and its mother.

And he leads them far away with him, To where the green of his grave renews itself each year, Over it a rosebush glows, And scatters scented petals over his grave; -- Thus he took everything that was his below And finally now the dead were able to rest in the grave, And the star of his renown was able to shine. Resoundingly the nightingale sings its song in the bushes, The shepherd sings our poet's lay, Summer lightning trembles in the distance In the heavens at sunset, The bee is buzzing about the emerging flowers, And below the dead one whispers: My love, Now we shall embrace each other in all eternity!

Ich, du und das Kind, der Herzen Dreieinheit! Leicht kann man dort sterben, wohin man mich rufet, Stirbt auch meine Liebe bei dir unterdessen? Nicht eifert der Tote! Zwei Herzen nur wachen und pochen. Er rufet beharrlich sein Weib und sein Kind. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Praesent bibendum pellentesque quam, vitae mattis sapien porta nec. Donec ornare gravida arcu a imperdiet. Sed sapien nisl, blandit eget erat in, tempor commodo nisl. Duis non lobortis ligula. Vestibulum sit amet neque libero. Duis ut erat at mi lacinia aliquet at nec nibh.

Nam scelerisque nec ipsum ac viverra. Phasellus tempor justo accumsan, dapibus velit eget, elementum neque. Praesent magna ante, ornare id elit ut, scelerisque cursus felis. Suspendisse imperdiet dolor at turpis hendrerit blandit. In Sweden there stands a grey tower, Sheltering owls, eagles; For nine hundred years it has Sported with rain, lightning and storm; Whatever of humankind lived therein, With joy and sorrow, has long passed away.

Rain is streaming, a rider approaches, He digs his spurs into the horse's flanks. He has lost his way In twilight and in thought. The forest writhes, howling in the wind Like a whipped child. The tower has an evil reputation in the land, That at night, by bright light, A spirit walks in monk's garb, With a sad visage; And whoever gazes into the monk's eyes Becomes sad and wishes to die. But without fear and dread the rider Steps into the vaulted tower.

He leads his black stallion in with him And merrily jokes with his horse: "We would rather take our chances With spirits than with wind and showers, eh? The saddle and the wet bridle He unbuckles from his horse. In the desolate room he spreads His coat upon the ground And blesses yet the ashes Of the hands that built so watertight [a building].

And as he sleeps and as he dreams, At the hour of midnight His horse awakens him - it snorts and rears, Bright is the tower round. The wall glows as if on fire; The man musters his heart. The horse's nostrils are hugely dilated, In fear it shows its teeth, Trembling, the stallion beholds the ghost And his mane stands on end; Now the rider too sees the spirit And crosses himself in the customary way.

The monk has come to stand before him, So sorrowfully still, so eerie, As if through him the whole world wept mutely, So sad, oh how sad! The wanderer gazes at him fixedly And is overcome with sympathy. The great and secret sorrow That shudders through nature, That a bleeding heart may discern, That despair perceives, But never reaches - that pain appears In the eye of the monk; the rider weeps. He cries: "Oh tell, what grieves you?

What so deeply moves you? Speak not! The monk disappeared, the day dawns greyly, The wanderer departs; But forthwith he utters not a sound, Of death alone he is forced to think. The black stallion touches no food, The horse and rider are doomed. And as the sun sinks in the evening, Their hearts beat more anxiously, The monk seems to beckon from every bush, And all the leaves lament, All the air around is wounded and sore - The black stallion slowly walks into the lake.

Es windet heulend sich im Wind Der Wald, wie ein gepeitschtes Kind. Den Sattel und den nassen Zaum Entschnallt er seinem Pferde. Was dich so tief beweget? Sembra che voglia tuffarsi, Nei flutti e sparire, Sembra che voglia involarsi Tra le nuvole in tanto bagliore. Say, have you seen the castle, the castle by the sea? Above it, gold and roseate, the clouds are floating free. It seems to want to lower itself to ocean's light, it wants to stretch and hover on evening clouds so bright.

The wind and water's motion, did you enjoy their throng? Did in the halls you listen to strings and festive songs? Did not, atop the castle, so proud walk King and Queen, where waving crimson dresses, and golden crowns are seen? Did they not lead with pleasure up there a maiden fair, beautiful like the sunshine, glowing in golden hair?

Vernahmst du aus hohen Hallen Saiten und Festgesang? Per assaporarne la dolcezza, avrebbe dovuto, senza dubbio, andarsene in quei paesi dai nomi risonanti dove i primi giorni di matrimonio si tingono di soavi languori. Sometimes she thought that these were after all the most beautiful days of her life, the honeymoon, as it is called. To taste their sweetness, she would probably have to travel to those countries with fine-sounding names, where the first days of married life are tinged with a more gentle lethargy.

Quando la sera il sole si corica sotto il mare del golfo, a riva si respira il profumo dei limoni; poi, di notte, soli, sulla terrazza di una villa, mano nella mano a guardare le stelle, a fare progetti. As the sun is sinking, on the shore of the bay, one breathes the perfume of the lemon-trees; then, on the terrace of a villa, alone hand in hand, one gazes at the stars while making plans.

It seemed to her that certain places on earth must produce happiness just as some plants can only thrive in a particular soil. She was so sad and so quiet, so gentle and so reserved, that by her side, one felt under the spell of an icy charm, as when one shivers in a church at the scent of flowers mingling with the coldness of the marble. Vagabondava sulla collina, tra le carrozze, un povero diavolo con un bastone.

Canticchiava una canzone. Si trascinava nella notte, come il gemito indistinto di un vago disagio, e attraverso il trillo delle sonagliere, il mormorio degli alberi e il brontolio della carrozza vuota, evocava qualcosa di remoto che sconvolse Emma. On the hill there was some poor old tramp wandering with his stick among the carriages.

He was singing a little song. His voice, weak and wailing at first became shrill. She would have loved to live in an old mansion, like those chatelaines in their long corsages who spent their days under their trefoiled rib vaults, elbows on the stone parapet, chin in hand, watching for a white-plumed rider on a black horse galloping towards her from far across the countryside.

Disse Leon spingendo Emma dentro la carrozza, e la pesante vettura si mise in marcia. The coachman drove them from the side-paths to the river bank, by the grass. The carriage went along the river bank, rattling along the gravel towpath, and for a long time, near Oyssel, beyond the islands. A woman got out and walked away, her face veiled, without a backward glance. Un amante! Stava per vivere qualcosa di meraviglioso dove tutto sarebbe stato passione, estasi, delirio….

She kept telling herself. At last she was to experience the joys of love, this fever of happiness she had despaired of. She was entering something wonderful where all would be passion, ecstasy and frenzy. She recalled the heroines of the books she had read, and the lyric legions of these adulteresses began to sing in he memory with enchanting sisterly voices. She was becoming part of her own fantasies, realizing the endless dream of her youth, playing the role of one of these great lovers she had envied for so long.

Moreover, Emma felt the satisfaction of revenge, for had she not suffered enough? Now she was triumphing and love, so long suppressed, was gushing forth in joyous turbulence. She could savour it without remorse, without anxiety, without worry. N'avait-elle pas assez souffert! Mais elle triomphait maintenant, et l'amour, si longtemps contenu, jaillissait tout entier avec des bouillonnements joyeux. Niente, niente, caro. Nothing really dear! Emma non dormiva. Faceva finta di essersi addormentata, e mentre lui prendeva sonno accanto a lei, lei si risvegliava ad altri sogni.

Andavano, andavano, i corpi abbracciati. Senza parlare. Emma was not sleeping. She was pretending to be asleep, and he was dozing off by her side, she was awake to other dreams. Four galloping horses had been leading them for eight days towards a new land whence they would never return.

On they went, on they went, arm in arm, without a word. Si irritava per un pietanza mal servita o per una porta lasciata socchiusa. Then the cravings of the flesh, the yearning for money and the melancholy of passion, all merged into the same suffering, and instead of diverting her thoughts from it, she held on to her sorrow all the more, increasing her pain and seeking all the opportunities to do so.

Al simpatico e modesto artista rivolgiamo il consiglio di dimenticarsi - specialmente nel quarto atto - di essere stato sino a poche sere fa, un superbo e bravissimo Otello. Certe irruenze di voce e di movimenti non ci sembrano in quest'opera al loro posto. Molto bene anche il basso Broglio nella sua breve ed insignificante parte. La canzone di vendetta: stride la rampa fu interpretata con profonda passione, con energia selvaggia. I suoi occhi scintillavano di collera l'accento della sua voce rivelava il concitato, racchiuso dolore.

Il brano di musica dovette essere bissato fra le ovazioni del pubblico, ovazioni ed applausi che si ebbero quasi ad ogni frase da lei cantata. Discretamente se la cavarono pure il Grossi, il Barbieri, la Sciaccaluga. Ottimi i cori istruiti dal Gerbella. Scene e vestiari discreti. In conclusione adunque un successo splendido, magnifico; uno spettacolo - che pur non essendo scevro di difetti e di mende - deve annoverarsi fra i buoni, fra i meritevoli di essere ricordati, sentiti ed applauditi.

Finisco invitando il pubblico ad accorrere in folla al Regio anche stasera alla seconda rappresentazione di questo fortunato Trovatore.

DRAMATIS PERSONÆ.

Sabato: prima della Favorita. Teatro affollatissimo per la prima della Favorita. Lo spettacolo - diciamolo subito - non piacque. L'esito fu in complesso freddissimo ed assai contrastato e alla fine dell'opera il pubblico diede indiscutibili segni del suo malcontento. Molte cause hanno contribuito al semi insuccesso. Prima fra tutte l'assoluta deficenza, di prove e di concertazione dell'opera.

Troppe incertezze, troppe debolezze, troppe slegature in orchestra, e tra questa e il palcoscenico mancanza di affiatamento, di coesione. Specialmente l' adagio della romanza: O mio Fernando venne cantato da lei assai bene. Il tenore Rosati ha avuto dei buoni momenti e delle buone intenzioni Registriamo intanto per la cronaca gli applausi che egli ha ottenuti dopo la romanza del primo atto.

Cori eseguiti bene e con colorito alcuni, altri lasciarono a desiderare. Messa in scena non sempre decorosa. Stasera seconda rappresentazione della Favorita. Teatro enormemente affollato. Non un posto vuoto nel parterre , gremito il loggione, assai popolati i palchi. Tutti gli interpreti del popolare spartito verdiano ebbero la loro parte d'applausi, ma soprattutti la Giudice ed il Galli. La signora Giudice dovette concedere il bis dell'allegro della romanza O mio Fernando , dopo del qual pezzo le furono presentati fra le ovazioni del pubblico numerosi ed elegantissimi trionfi di fiori e parecchi oggetti di valore.

A lui venne meritamente offerta una grandiosa corona d'alloro. La serata adunque fu splendida e ben meritate furono le feste che il pubblico fece alla coppia valente. Egregio Signor Direttore , In questi giorni si fa un gran parlare per lo spettacolo al nostro Teatro Regio. Dunque mi metto assolutamente con quei signori azionisti; i quali vogliono sapere dove, e come vanno i proprii danari.

S'intende che devono studiar bene per trovare la persona che sia addentro alle cose del Teatro e sia pienamente in conoscenza con artisti, masse corali ed orchestrali e veda che il preventivo, salvo disgrazie, sia ragionato. Parma 7 novembre Un azionista. Un avviso scritto ed affisso alle colonne ed alle cantonate del teatro faceva noto che, il tenore Ernesto Colli rifiutandosi di cantare senza motivi giustificati l'impresa era costretta suo malgrado a non dare la rappresentazione annunciata.

Poco dopo molte delle persone che accorrevano al Regio si fermarono sotto l'abitazione del tenore alla Croce Bianca ed improvvisarono un clamoroso chiarivari per lui poco lusinghiero. Assunte informazioni circa questo improvviso ed inatteso incidente teatrale abbiamo saputo che il sig. Ilario adducendo di non volerlo fare tre sere di seguito, sebbene nel suo contratto di scrittura non esistesse nessuna clausola in proposito.

La commissione - molto giustamente - credette bene di non aderire a tale pretesa trovando la cosa niente affatto decorosa e forse anche provocante per il pubblico. Ieri chiese all'impresario che gli fosse pagato il compenso delle cento lire alle quali aveva dichiarato di rinunciare. E infatti anche dopo le ore 17 il sig. Colli faceva noto all'ispettore di P.

Queste le notizie raccolte in proposito, alle quali non crediamo opportuno fare alcun commento lasciandone giudice il pubblico. Salgon le note limpide, argentine, salgon le alate melodie, divine, come in un bosco, trilli d'usignolo. E quel tuo canto, quella voce arcana, dolcissima, nel cor sveglia una strana voglia di pianto. Il pianto del tuo duolo! Con piacere pubblichiamo il sonetto che abbiamo presentato all'esimia artista nella sua serata d'onore.

Ormai tutti sanno che l' Otello fu l'opera meglio concertata e meglio eseguita, per cui essendo stata data moltissime sere come sostegno della stagione, noi, pur conoscendo i meriti della sig. Cruz, non ci aspettavamo un teatrone. Invece entrando in teatro fummo contentissimi di vedere, non solo un pubblico numerosissimo, ma un teatro come solamente si trova nelle grandi occasioni. Palchi, poltrone, riservati tutto occupato! Al suo apparire, la geniale artista, fu accolta da un applauso entusiastico interminabile. Alla fine del primo atto Le vennero presentati doni, fiori e sonetti ed all'ultimo, all' Ave Maria , pezzo che dovette replicare fra ovazioni entusiastiche, innumerevoli furono i doni offerti.

Da un articolo di Jarro - l'arguto e brillante critico della Nazione di Firenze - togliamo in gran parte i dati che seguono e che interessano la vita dell'autore della Manon. Il maestro Giacomo Puccini esce da una quarta generazione di musicisti. Il suo avo Giacomo Puccini nato nel , fu il maestro di cappella della Repubblica lucchese; scrisse musica sacra, cantate : anche il figlio Antonio fu maestro di cappella, scrisse musica in stile severo: l'uno e l'altro furono filarmonici di Bologna, onore ambito a quei tempi.

Lo stesso Domenico Puccini e Michele, padre dell'appassionato cantore della Manon furono compositori di musica sacra: solenni contrappuntisti. Il padre dell'autore delle Villi , dell' Edgar , della Manon moriva nel Giacomo Puccini ebbe il primo insegnamento della musica dal maestro Magi suo zio materno, direttore del Liceo musicale di Venezia, morto nel Il Donizzetti, il Rossini, Il Verdi hanno scritto capolavori su libretti pessimi: ma il Puccini non si propose con l' Edgar di oscurare la gloria di tali genii.

Nel libretto furono cooperatori l'avv. Da quel dramma il Verga e il De Roberto han tolto il libretto per il Puccini. In una lettera indirizzata ad un suo amico di qui, scrive: "Sono ormai stanco di correr dietro ai miei lavori Fu molto applaudita la Martelli - la regina - ed il finale dell'atto - per merito soprattutto della signora Gilboni che emise alcune note di una invidiabile bellezza e potenza - venne ripetuto.

Nel terzo il duetto fra il basso Wanrell e la Gilboni ambedue artisti eccellenti - venne anch'esso bissato. Nuovi entusiastici applausi al Masin nel settimino. Al quarto atto il pubblico si arrese, conquiso completamente. Valentina fu la signora Gilboni, un'artista nuova al nostro pubblico ma non nuova ai trionfi. La sua bella, estesa ed intonata voce, la sua efficacia drammatica giustificarono il grande successo che ella ha ottenuto anche fra noi.

Fu per merito suo in particolar modo che venne ripetuto il finale del second'atto. Fu molto applaudita.

fiume amaro spartito pdf - PDF Files

Un buonissimo, un eccellente Marcello il basso Wanrell, un artista che sa cantare che ha voce bella, di notevole e magnifica estensione. Riscosse approvazioni calorose dopo tutti i pezzi principali. Un Saint-Bris abbastanza lodevole il Rossini. Dei comprimarii buoni specialmente la Giussani, il Cervi ed il nostro Barbieri.

La messa in scena : discreta - Bello solo il sic scenario del quarto atto. Concertazione : affrettata. Qualche tempo forse troppo stretto, altro troppo lento. Cosa questa da discutersi ma che non toglie nulla al merito del Bracale, oculato e pronto direttore, il quale ha compiuto davvero un prodigio andando in scena con un'opera come Gli Ugonotti dopo pochissime prove. Anche pei coristi le prove son state davvero pochine. Abbastanza attento il corpo di ballo.

Al quarto atto trionfa; e la pagina sublime della scena fra Raul e Valentina toglie l'uditore da ogni preoccupazione, estingue ogni senso critico. Per concludere : un successo completo, pieno, caloroso, entusiastico perfino in alcuni punti. Ed ora una preghiera alla gentilezza del pubblico: non si chiegga anche per un sentimento di riguardo doveroso verso gli artisti, il bis di tutti quei pezzi - e sono molti che rapiscono e trasportano l'uditorio. Ieri sera si ebbe nientemeno che il coraggio di chiedere ad alte grida il bis del duetto del quarto atto.

D'altronde, a quale scopo?


  1. Io difendo Simona Sventura.
  2. for piano and narrator.
  3. George Frideric Handel (composer) - Buy sheet music and scores | Presto Sheet Music!
  4. Orthogonal Array;

Si deve parlare ancora dell' Aida? Oppure rifare la cronaca delle Aide di Parma che ebbero quasi tutte il sussidio di una concertazione vigorosa, completa, mancata in parte a quest'ultima edizione? Lo avremo stasera? Noto intanto - per scendere e particolari di cronaca che la sala del Regio era ieri sera molto affollata di un pubblico scelto ed elegante, e che i principali artisti il tenore Masin, la Bianchini Cappelli, il Wanrell, il Bellagamba riscossero applausi e due chiamate al proscenio alla fine del secondo e del terzo atto.

Ha voce estesa e sicura anche se non sempre simpatica in tutti i registri. Un buonissimo Ramfis il Wanrell. Le scene quasi tutte abbastanza belle. Eleganti e taluni anche sfarzosi i costumi. Stasera seconda dell' Aida. La nuova edizione dell' Aida colla signora Gilboni ha incontrato il pieno favore del pubblico numeroso accorso ier sera in teatro. Altri applausi e una nuova chiamata alla ribalta alla Gilboni e al Masin dopo il duetto finale dell'opera, consacrarono il successo dello spettacolo. Stasera ancora Aida.

L'aspetto della sala era imponente e costituiva per se sola un gaio spettacolo. Nei palchi brillavano quasi tutte le stelle della nostra high-life in ricche ed elegantissime Toilettes. Confido che le belle signore, sempre cortesi, vorranno perdonarmi le involontarie dimenticanze e gl'immancabili sbagli. Cominciando dalla prima fila scorgo nel palco del R. Commissario due signore, una la cognata del R. Commissario signora Rebucci, l'altra la signora Cavasola, moglie del prefetto di Modena; rammento quindi le signore: Montanari, marchesa Pensa di Marsaglia in nero e rosa insieme alle signorine Elena e Dora Pallavicino, una in celeste, l'altra in rosa, le signorine Solari in bianco e Silvestri in celeste, la sig.

Testi, la sig. Rasori in bianco, le signorine Albertini; la marchesa Leontina Pallavicino Mossi in una ricchissima toilette bianco e rosa e la di lei cognata marchesa Bianca Pallavicino Terlago in bianco; la graziosissima sig. Lusignani Pecoraro in lilla, le due cognate signore Ferrari, l'una in nero e bianco, l'altra in bianco; pure in bianco, elegantissima, la sig. Prependina Bocchi Marchi, la sig.

Lagori colla figlia March. Anna Marchi colla gentile figlia in rosa. Nella seconda fila ricordo la signora nob.

Lista dei fagioli contro il razzismo

Pacces colla figlia in bianco e la sig. Bodrio, le gentili signorine Guglielmina e Bianca Marchi in bianco; la marchesa Carrega in nero colla figlia in celeste e la signorina Dodici in rosa; la signora Lombardini colla nipote marchesa Paveri Fontana in una ricca toilette bianco e granato, ambedue appassionate cultrici della buona musica; la contessa Crescini colla giovine e bella contessa Ferretti, la contessa Bice Sanvitale in celeste colla cugina signorina Mina pure in celeste; la signora Thovazzi in nero colla figlia in giallo, la contessa Frigerio e la sig.

Nievo, la signora Marchi Volpini colla bionda e incantevole figlia in rosso; la marchesa Ricci in bianco, le signore Corazza in tre diverse elegantissime toilettes. Molte gentili ed eleganti signore e signorine erano pure nei palchi di terza e quarta fila. Peccato non conoscere il nome di tutte! Tre battute bastano per trasportare tutto l'uditorio all'ambiente, alla scena, in cui si svolgono le bizzarre avventure del pancione. La musica accompagna l'azione, la delinea, la spiega. E di mano in mano che questa si fa interessante cresce nell'uditorio l'interesse per la musica.

Il Carobbi nell'interpretazione di questo brano si rivela subito artista intelligentissimo, dotato di voce bella ed estesa. Una chiamata al Carobbi, generale e calorosa chiude la prima parte dell'atto primo. Al calar del sipario scoppiano calorosi applausi e le quattro comari compaiono una volta alla ribalta. Quando Quickly parte le viole e i violoncelli si esilarano esagerando il saluto di lei: Referenza.

A questa splendida pagina musicale ne segue un'altra che non vale certo meno.

Beethoven Moonlight Sonata (Sonata al chiaro di luna)

Anche questo duetto viene eseguito assai bene dal Carobbi, un protagonista degno veramente di plauso, e dal Bellagamba. Segue il monologo di Ford sulla gelosia - dove il Verdi mostra l'unghia del leone - monologo appoggiato in modo particolare e con voluta significazione ai corni. Il Bellagamba dice benissimo la sua parte e si guadagna un lungo applauso. Dopo l'aria di Ford ricompare Falstaff e la prima parte dell'atto secondo si chiude col comico episodio dei complimenti d'uscita reso in orchestra da un motivo elegantissimo di violini che riproducono l'affettazione comica di questi uggiosi complimenti.

Questo non perde un dettaglio della meravigliosa trama musicale. Il finale segna il completo entusiastico successo ottenuto da quest'atto. Le chiamate al proscenio a tutti gli artisti furono due, una delle quali in unione al direttore d'orchestra maestro Bracale. La prima parte del terzo atto passa freddina. Nella seconda parte dell'atto si ha subito il sonetto serenata di Fenton - dolcissima ispirazione melodica. Il pezzo piace assai specialmente alla sentita frase finale colta felicemente da Nannetta.

Il tenore Bonci si guadagna un caldo applauso. Di qui sino alla fine dell'opera silenzio. Poco gustata la fuga finale. Calata la tela gli artisti sono chiamati una volta alla ribalta. Questa la cronaca esatta e sincera dello spettacolo, dalla quale risulta come tutta l'opera sia complessivamente piaciuta e come il secondo atto abbia ottenuto un successo di entusiasmo e d'ammirazione.

Ormai sul Falstaff si sono scritti e stampati volumi. Torna quindi superflua una nuova completa disamina dello spartito, per constatare il valore grandissirrio di quest'ultima creazione verdiana. E in ogni parte e sempre sbalordisce il magistero pel quale l'orchestra non solo segue e commenta la parola della commedia, ma l'amplifica e la sostituisce. Ho avuta la fortuna di assistere - memorabile serata alla prima del Falstaff alla Scala tre anni sono.

Love and its Critics

Classica la fuga che chiude l'opera, ma di difficile esecuzione e difficilissima ad essere subito afferrata e compresa. Egli incarna la figura di Falstaff come pochi altri baritoni sanno e possono fare al giorno d'oggi. Ho avuto occasione di sentire in questa parte altri valenti artisti e posso assicurare che sentendo il Carobbi li ho ricordati ma non li ho rimpianti. Anche la Zeppilli-Villani Quickly ha fatto del suo meglio per dare alla sua parte il massimo risalto. Ottima Meg la Bastia. Buona la messa in scena. Scadente il vestiario. Concludendo adunque un'esecuzione complessiva tale da meritare il favore e l'appoggio del pubblico.

L'impresario Romiti anche per questa terza opera della stagione ha saputo fare le cose per bene e ci ha allestito un Falstaff , quale non si poteva pretendere migliore date le attuali condizioni del nostro massimo. Ed ora una domanda. Deve essere notte e la luna sola deve dal fondo illuminare la scena.

La commissione teatrale, il Prefetto, e il Regio Commissario hanno telegrafato ieri sera a Verdi il successo completo ottenuto al Regio dal Falstaff. Anche l'impresario Romiti ha partecipato la notizia del lieto esito al comm. Il teatro era magnifico. Platea e loggione rigurgitanti. L'opera non ha preludio di sorta. Il pezzo ha frasi felici e appassionate e il tenore Giannini lo dice assai bene, tanto che un applauso clamoroso del pubblico lo costringe a ripetere l'ultima parte.

L'atto termina colla ripresa della gavotta e la tela cala lentamente. Il pubblico rimane silenzioso. Il secondo quadro pieno di indiavolato movimento nel libretto, deve aver costato fatica grande al Giordano. Il pubblico continua a mantenersi freddo e silenzioso. La Sedelmayer canta la sua parte con fascino passionale, con voce simpatica, intonata, sicura. E cade la tela una seconda volta senza che il pubblico si scuota. Altri episodi e particolari riusciti sono il canto interno della Carmagnola , l'inno popolare dell'epoca e il cinico discorso dell'Incredibile.

In questo duetto e soprattutto nello splendido arioso la Sedelmayer ottiene un vero trionfo. Ed invero non si potrebbe dire e cantare in modo migliore questa pagina commovente di musica.


  1. Filmography.
  2. Verdi Operas: The Complete Vocal Scores [2 CDR Set]!
  3. MELODRAMAS;
  4. Saving Alessandra.

Ma la situazione incalza e l'interesse si fa grandissimo. Dopo l'addio staziante di Maddalena e dopo il finale di grande effetto, al calar della tela il pubblico acclama gli esecutori, che compaiono due volte al proscenio una delle quali - ben meritata - in compagnia del bravo direttore d'orchestra maestro Zuccani al quale il pubblico fa una vera ovazione.

L'ultimo quadro si svolge nelle prigioni di S. Questo duetto veramente bello piace moltissimo, ma gli applausi che riscuote sono coperti dal finale grandioso dell'opera. Alla fine applausi clamorosi e generali richiamano al proscenio la brava Sedelmayer ed il Giannini. Questa la cronaca vera ed esatta e le prime impressioni della serata.

Con tutto questo non nascondo che un gran merito nel successo di questo dramma musicale spetta al librettista per le felici e drammatiche situazioni presentate, situazioni che non sempre hanno avuto musicalmente la vera espressione. L'esecuzione tanto dell'assieme, che dei particolari fu abbastanza buona.

Special offers

I cori maschili andarono meglio che i femminili. Questi ultimi lasciarono non poco a desiderare soprattutto nel primo quadro, e questo certo non per colpa di mancata istruzione, ma per deficienza di voci soprane nelle nostre coriste. Fedelmente storici quelli per gli altri quadri. Ed infatti egli ha dato una prova, un saggio completo della sua non comune valentia.